Parole
images/ccb/foto1.jpg

Considerazioni di un papà

(liberamente tratto da pensieri di Fabrice Hadjadi) dal libro: Con Madre Teresa - 24 proposte per una vita felice

A cura di : Luigi Guglielmini e Fausto Negri

Edizioni: Paoline

Il bambino ci attira su un'isola selvaggia al di fuori della civiltà. Ci toglie i condizionamenti. Ci pone ai margini della falsa vita di società, delle complicazioni del prestigio. Con lui si può prendere il largo e tornare a ciò che è fondamentale. Il bambino ci riporta bruscamente al lavoro: bisogna davvero lavorare molto per lui, la piccola peste. Questo piccolo essere disarmato ha dunque una forza portentosa. Non mi ero mai alzato di notte per il mio vicino, ora sono sei mesi che dormo con un occhio solo e mi sveglio almeno cinque volte ogni notte. Non mi ero mai sentito pronto a morire per un altro, eppure appena si ammala e piange vorrei essere al posto suo. Ho così imparato la seguente legge fondamentale dell'esistenza: è facile essere indipendenti da coloro dai quali si dipende, ma si è terribilmente dipendenti da coloro che dipendono da noi. Mai mi ero interrogato così tanto sull' avvenire: l'angioletto, che si presenta senz'altro potere che la sua impotenza, sembra rendermi possibile l'impossibile. È come un cardiotonico che rinforza il mio cuore e ne trae risorse inattese. Di due giovani che erano lì un attimo prima, egli ne fa una mamma forte e un padre rincitrullito. Senza dire una parola, un figlio ci fa ricordare la nostra origine, le nostre radici. Capiamo qualcosa dei nostri genitori non appena diventiamo padre o madre. E forse, capiamo qualcosa pure di Dio Padre.

 

Chiesa Cristiana Brianza

 

Facebook Twitter

Youtube

 

Via Monza 11, 20851 Lissone MB

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Enzo     +39 338 5246873
Elio    +39 392 6980588

 

Alleanza Evangelica Italia

Alleanza Evangelica Europea

Alleanza Evangelica Mondiale