Mediateca
images/ccb/foto1.jpg

Quindi, proposero un’altra ipotesi, che escluderebbe la necessità di avere un valore predefinito di densità. Quest’ipotesi è divenuta famosa col nome di “universo inflazionario”, cioè che ha subito un’improvvisa crescita veloce e di durata breve, come il gonfiaggio di un palloncino, e poi una crescita lenta.

Lo spazio sembrerebbe piatto come una sfera vista da molto vicino. Alcuni sostengono che l’universo si sarebbe sviluppato come un guscio, come una bolla di sapone, ma anche questo solleva problemi, poiché non ne si conosce il centro, né il punto di partenza ed il movimento dei corpi celesti non lo conferma.

Alcuni teorici ipotizzarono che diverse porzioni di universo abbiano finito l’inflazione in tempi diversi. Si sarebbero avute zone non crescenti in mezzo a zone crescenti, le une isolate dalle altre. L’ipotesi che esistano zone isolate di universo ha dato origine al fantasioso nome di multi-universo, o “multiverso”.

Questa suggestione rende ancora più entusiasti i cosmologi ateisti perché evita l’imbarazzo di dover spiegare perché la vita si sia sviluppata sul nostro pianeta: pur ammettendo che sia statisticamente impossibile che la nostra esistenza si sia sviluppata da queste ipotesi concatenate, vantano la possibilità che, dato un numero virtualmente infinito di universi, queste coincidenze si possano verificare in almeno uno di essi. Comunque, ad oggi non esiste prova scientifica che multiversi esistano.

Un teorico dell’universo inflazionario al riguardo sostenne che se anche ci fossero molti diversi universi, la circostanza che almeno uno di questi sviluppi tutte le condizioni fisiche di cui abbiamo bisogno per esistere presuppone un grande sforzo di regolazione degli eventi, per far sì che l’inflazione ed il rallentamento accadano nel modo voluto.

Un altro fisico degli anni “803 sostenne che ci sono più probabilità matematiche che un universo piatto si sviluppi senza l’ipotesi dell’inflazione piuttosto che con l’ipotesi dell’inflazione. Sorprendente, visto che l’inflazione fu ipotizzata per spiegare perché l’universo sarebbe “piatto”.
Il “topolino” dunque non trova la sua prima causa nel caso, né nel big-bang: la catena di ipotesi è in(de)finita e ad ogni anello emergono nuove e più inspiegabili lacune.

Spiegare l'origine dell'universo senza l’intervento di Dio porta smarrimento e frustrazione, come sta scritto nel Salmo 2:4-5.

Nella Bibbia, il libro di Genesi, invece, spiega le origini dell’Universo come una creazione dal nulla, speciale, fatta di azioni motivate, assegnando funzioni precise e conclusasi nel passato. Essa risulta inaccettabile a coloro che non possiedono il timore di Dio, ma non si scontra con le osservazioni scientifiche dell'universo, né contraddice reperti e leggi naturali.

 

Chiesa Cristiana Brianza

 

Facebook Google+ Twitter

Youtube

 

Via Monza 11,   20851 Lissone MB  
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  039 8943186  
     
Enzo  338 5246873  
Elio  392 6980588  

 

Alleanza Evangelica Italia

Alleanza Evangelica Europea

Alleanza Evangelica Mondiale

 

 

News da Evangelici.net

12 Dicembre 2018

Appuntamenti a Lissone

12 Dicembre 2018